Monthly Archives: maggio 2013

Pagine Web e Motori di Ricerca

Google

Quando parliamo di SEO (Search Engine Optimization) facciamo riferimento a  tutte quelle attività finalizzate ad ottenere la migliore rilevazione, analisi e lettura del sito web aziendale da parte dei motori di ricerca. Affidarsi a persone in grado di ottimizzare le pagine del vostro sito è un primo importante passo verso una presenza su Internet in grado di produrre dei risultati sul breve  e lungo periodo. In questo articolo, spiegheremo quali sono gli errori più comuni da evitare durante questo processo di ottimizzazione.

INTERFACCIA UTENTE INTUITIVA

Cominciamo col dire che è sconsigliato sacrificare l’interfaccia del sito e l’esperienza di navigazione degli utenti, al fine di ottenere i migliori risultati nei motori di ricerca. Questo è esattamente l’opposto di come i motori di ricerca funzionano oggi. L’algoritmo che è attualmente alla base di Google, chiamato Panda, è progettato per penalizzare i siti che offrono agli utenti una interfaccia poco intuitiva e una navigazione difficoltosa. Quindi la progettazione di un sito web deve avere come obiettivo primario  la semplicità d’interazione con l’utente.

CARICAMENTO PAGINE LENTO

Non tutti hanno una connessione internet come la nostra. Evitiamo l’uso di interfacce basate su Flash e non utilizziamo immagini o animazioni quando è sufficiente il testo. Questo è particolarmente importante con la recente spinta verso la telefonia mobile, dove le connessioni internet sono molto più lente.  Una gran parte degli utenti lascerà il sito se non si carica in pochi secondi. Non è necessario sacrificare la multimedialità, ma essa non deve comprometter l’usabilità del sito. Un piano di hosting professionale è consigliabile, nulla è più frustrante per un utente che utilizzare internet ad alta velocità e avere a che fare con un sito web che si carica come se fosse su una connessione analogica.

USO DEI SOCIAL MEDIA

Una presenza attiva nei Social Media è di fondamentale importanza per un’azienda al passo coi tempi. I motori di ricerca attualmente utilizzano questa presenza come parte dei loro algoritmi di ranking. Pur non avendo la stessa importanza dei links, la presenza della vostra azienda su Facebook e Twitter attraverso la creazione di contenuti condivisi dagli utenti, è il segnale che la reputazione acquisita dalla vostra attività nei Social Media, ha raggiunto i livelli sperati.

CONTENUTI DEL BLOG AZIENDALE

I motori di ricerca sono attualmente concepiti per valutare quanto bene una pagina web risolve i problemi per i suoi utenti. La creazione di contenuti per il blog aziendale è una delle attività che un’azienda deve mettere in atto per venire incontro alle esigenze dei visitatori del sito. Non solo, attraverso la scrittura di contenuti originali e interessanti sul nostro blog, otteniamo maggiore visibilità sui motori di ricerca.  Per ottenere questo scopo sono però necessarie esperienza e professionalità che non sempre si trovano all’interno di un’azienda. In questo caso rivolgetevi a persone esperte che sappiano consigliarvi sulla scelta degli argomenti da trattare e sviluppare nel vostro blog aziendale.

ARCHITETTURA DEL SITO E URL NAMING

In fase di ottimizzazione della struttura del sito per i motori di ricerca, ci sono almeno 4 errori da evitare:

  • Creare più pagine con lo stesso contenuto  – Questo è particolarmente problematico per i siti di e-commerce, dal momento che spesso ospitano un numero enorme di pagine con contenuti simili focalizzato su diversi prodotti. Se possibile, è consigliabile modificare il contenuto in modo che sia diverso per ogni prodotto. Questo non è sempre possibile, naturalmente, e può essere estremamente dispendioso in termini di tempo. Un’altra alternativa utilizzare il no-index per le pagine con contenuti duplicati in modo che Google non lo consideri.
  • URL dinamici – questi possono essere una parte cruciale di alcune interfacce, ma può essere un problema per i motori di ricerca. Ancora una volta, si deve fare in modo che i vostri URL dinamici vengano creati in una cartella che viene impostata come no-indexed, in caso contrario si avranno problemi enormi di contenuti duplicati e confusione su quale pagina visualizzare nei risultati di ricerca. Creare un unico URL canonico per ogni tipo di contenuto e concentrarsi sulla promozione di esso.
  • URL insignificante  – Questo è un problema minore di quanto non fosse in passato, quindi, se l’architettura del sito è già costruita intorno a un Url assegnato da tempo, non è indispensabile cambiarlo. Tuttavia, è bene tenerlo presente in futuro. Una struttura del sito chiara facilita l’indicizzazione da parte dei motori di ricerca.
  • Redirect – In generale, si dovrebbe evitare di reindirizzare una pagina quando è possibile. Troppi reindirizzamenti vengono interpretati dai motori di ricerca come indice di instabilità e tendono a penalizzare chi ne fa un uso improprio. I redirect sono talvolta inevitabili, naturalmente, in quasi tutti i casi, è necessario utilizzare un redirect 301, non un 302 o 307. Il 301 dice ai motori di ricerca che la pagina è stata spostata in modo permanente, e Google lo tratta come un collegamento alla nuova pagina.